Francia, famiglia sterminata ad Annecy: ecco l’identikit del sospettato

Le indagini sul massacro di Annecy del 5 settembre dello scorso anno sembrano vicine a una svolta: c’è l’identikit di un sospettato.

E' trascorso più di anno dalla strage di Annecy, sulle Alpi francesi, e il colpevole è ancora in libertà, ma qualcosa comincia finalmente a muoversi: le autorità francesi hanno diffuso l’identikit del sospettato numero uno, il motociclista che secondo alcuni testimoni sarebbe collegato al massacro.

Dell’uomo si conosce solo il volto, ma il particolare più interessante sembra essere il suo casco, prodotto in appena 8 mila esemplari, quindi non sarà particolarmente difficile risalire all’acquirente.

Non è chiaro se il sospetto sia anche l’autore della strage o se sia soltanto collegato ad essa. Quello che è certo è che rappresenta l’unica pista valida a più di 14 mesi dalla strage in cui persero la vita il ciclista francese Sylvain Mollier e tre membri di una famiglia inglese, il 50enne Saad Al-Hilli, la moglie Ikbal, 47, e la suocera Suhaila Al-Allaf, 74.

Ancora da identificare il movente. Tante piste sono state battute in questi mesi, ma al momento non ci sono certezze. La caccia all’uomo prosegue, con la speranza che qualche cittadino, vedendo l’identikit diffuso, sia in grado di fornire informazioni utili alla cattura del sospetto.

  • shares
  • Mail