Torino, anziana uccisa a coltellate: arrestato il nipote Vincenzo Maurici

L'omicida, nipote della vittima, sarebbe un uomo con problemi psichici e precedenti penali, in passato in cura in strutture psichiatriche in Belgio.



    Aggiornamento 5 novembre: E’ durata appena qualche ora la fuga di Vincenzo Maurici, il 40enne ricercato per l’omicidio dell’anziana zia Rosa Ferraro, aggredita a coltellate ieri nella sua abitazione di Grugliasco, nel torinese.
    L’uomo, con precedenti penali e disturbi psichici, è stato bloccato a pochi passi dalla scena del crimine e si è lasciato arrestare senza opporre resistenza. Alla base del delitto, dicono gli inquirenti, ci sarebbe stata una richiesta di soldi alla zia, soldi che Maurici avrebbe voluto usare per acquistare della droga. Di fronte al rifiuto della zia è scoppiata la furia omicida.

Omicidio in un appartamento di Grugliasco, alle porte di Torino, dove una donna di 69 anni, Rosa Ferraro, è stata uccisa a coltellate dal nipote, fuggito subito dopo il delitto.

La dinamica non è stata ancora accertata, ma sembra che il killer, nipote della donna, in preda a un raptus si sia scagliato contro l’anziana, colpendola con almeno 23 fendenti e non lasciandole scampo.

L’omicida in un primo momento si è barricato in casa, poi è però riuscito a fuggire e al momento risulta ancora latitante. Si tratterebbe di un uomo con problemi psichici e precedenti penali, in passato in cura presso strutture psichiatriche in Belgio.

Le forze dell’ordine stanno eseguendo tutti i rilievi necessari nell’abitazione teatro del delitto e hanno istituito posti di blocco in tutta l’area. La fuga dell’uomo non dovrebbe durare a lungo.

  • shares
  • Mail