Sparatoria all'aeroporto di Los Angeles, morto un agente, non il killer

Si parla di tre feriti tra cui un agente


Aggiornamento 21:15. Smentita la morte del killer, che è invece rimasto ferito ed è tuttora ricoverato in ospedale. Confermata la morte dell'agente.

Aggiornamento 19:30. È di due morto il bilancio delle vittime della sparatoria all'aeroporto di Los Angeles. La prima vittima è proprio l'aggressore, ucciso nello scontro a fuoco con gli agenti seguito all'esplosione dei primi colpi. In un primo momento le notizie davano il killer agli arresti. Poco fa è stata data la notizia della morte di uno degli agenti feriti nella sparatoria. Secondo i media locali, lo sparatore era un impiegato dell'aeroporto: ancora ignoti i motivi del gesto. Diversi gli altri feriti, soprattutto tra gli agenti della security aeroportuale.

Evacuato l'aeroporto di Los Angeles


Evacuato l'aeroporto internazionale di Los Angeles LAX, in California, a seguito di una sparatoria al Terminal 3. È quanto riferiscono i media locali, anche se non ci sono ancora ricostruzioni precise dell'accaduto.

Stando alle prime notizie, un uomo armato con un potente fucile ha cominciato a sparare all'impazzata al Terminal 3, e subito i presenti hanno cominciato a fuggire verso le uscite, causando una grande ressa. Gli agenti di sicurezza dell'aeroporto sono subito intervenuti per fermare lo sparatore, che secondo alcune fonti sarebbe stato ferito.

I media locali danno intanto notizie di tre feriti, tra cui molto probabilmente uno degli agenti. Le immagini televisive diffuse finora mostrano un agente di polizia soccorso dai paramedici, e un altro con una mano insanguinata. L'aeroporto è ancora evacuato e presidiato da decine di poliziotti.

in aggiornamento

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail