Josep Fritzl venderà la storia dei suoi stupri al migliore offerente

Non gli è bastato stuprarla per 24 anni. Josef Fritzl vuole umiliare ancora sua figlia Elisabeth: sta scrivendo un memoriale in carcere e pianifica di vendere la storia degli orrori di Amstetten al migliore offerente. Il tutto mentre la ragazza - attualmente in clinica psichiatrica - vorrebbe ricominciare a vivere e chiede silenzio ai medici e alla polizia.

L'avvocato della giovane commenta inorridita: "Elizabeth è sconvolta. E' come essere violata di nuovo." Io mi domando se ci sia un limite alla malvagità di quest'uomo, e facilmente mi rispondo: no.

"Vieni fuori, Satana. Vieni a giocare con noi", gli urlano in carcere gli altri detenuti, picchiando contro le sbarre e i muri della sua cella. Satana. Gli hanno dato un nome appropriato. E forse lo sarebbero anche i "giochi" a cui pensano.

Via | SundayMirror

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: