Viterbo, rapina in villa: Ausonio Zappa in coma irreversibile, i quattro romeni confessano

Bagnaia

I quattro cittadini romeni arrestati in relazione alla rapina in villa a Bagnaia, in provincia di Viterbo, hanno ammesso la loro responsabilità, confermando anche di aver picchiato a sprangate e ridotto in fin di vita l'anziano Ausonio Zappa, 81enne fondatore delle scuole private Nuova Accademia di Belle Arti di Milano e Nuova Accademia di Viterbo e figlio del giornalista Gianluca Zappa.

Lo hanno fatto ieri, davanti al Gip di Viterbo Francesco Rigato. I quattro, di età compresa tra i 19 e i 24 anni, hanno anche chiesto gli arresti domiciliari, mentre il pm si è limitato a chiedere la convalida dell'arresto e la conseguente emissione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Petrit Cosmin Ofrea e Adrian Nicusor Salicir sono stati identificati come autori materiali dell'aggressione. Daniel Ionel Ofrea e Alexander Petrica Trifan, figlio dell'ex badante della suocera di Zappa, si sarebbero limitati a fare da pali.

La decisione, ora, spetta al Gip. Intanto le condizioni della vittima continuano ad essere disperate: è in coma irreversibile all'ospedale di Viterbo.

Via | Viterbo Oggi

  • shares
  • Mail