Blitz sanità a Napoli: arrestato Paolo Iannelli, primario del Cardarelli

Paolo Iannelli

Importante blitz dei carabinieri del Nas e dei militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli nell'ambito della sanità campana, avviato proprio dopo alcuni controlli della Guardia di Finanza: 13 provvedimenti cautelari - di cui uno in carcere e due ai domiciliari - contro medici e paramedici accusati a vario titolo di concussione, abuso d'ufficio, falso e truffa a danno della pubblica amministrazione.

Il nome più importante è senza dubbio quello di Paolo Iannelli, primario di ortopedia dell'ospedale Cardarelli di Napoli, finito in carcere perchè, secondo l'accusa, avrebbe dirottato verso la clinica privata "Villa del Sole", di cui suo fratello Gabriele era amministratore, i pazienti che attendevano di essere operati.

Gabriele Iannelli è finito ai domiciliari, così come Marco Von Arx, presidente del consiglio di amministrazione di Villa del Sole, mentre per Umberto Bocchetti, Mario Chiantera, ortopedico del Cardarelli, e Giuseppe Trotta, anche lui dirigente medico della Divisione di ortopedia dello stesso ospedale, è stato applicato il divieto di dimora nel comune di Napoli.

Poi, come si legge su Il Mattino:

L'obbligo di presentazione è stato disposto per Gennaro Devoto, ortopedico dell'ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, Vincenzo D'Aniello, anch'egli ortopedico a Pozzuoli, Carlo Carli, ex dirigente medico dell'Asl Napoli 2 presso il distretto di Bacoli attualmente in pensione; Ettore Dell'Anna, otorinolaringoiatra dell'ospedale San Giuliano di Giugliano in Campania, Clara Belluomo Anello, dirigente del reparto di terapia intensiva del Primo Policlinico di Napoli, Michele Chiariello, medico anestesista presso Villa del Sole e Luigi Angrisani, direttore dell'Unità operativa di chirurgia dell'ospedale San Giovanni Bosco.

In totale, almeno per il momento, ben 43 persone risultano indagate per reati che vanno dall'associazione per delinquere, alla concussione, truffa, abuso di ufficio e falso. L'inchiesta è condotta dai pm Francesco Curcio e Henry John Woodcock.

Foto | Il Mattino

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: