Perugia, rapina in villa: malviventi sparano ed uccidono Luca Rosi

LucaRosi

Una rapina è finita in tragedia ieri sera in una villetta isolata in strada San Fortunato, a Ramazzano, frazione di Perugia: intorno alle 22 tre malviventi armati e col volto coperto si sono introdotti nell'abitazione ed hanno minacciato i presenti - Luca Rosi, figlio del proprietario della villa, la madre, la compagna e il figlio di sua sorella, un bimbo di 8 anni - di consegnar loro tutti gli oggetti di valore.

Di fronte alla resistenza dei quattro, i rapinatori hanno iniziato a mettere a soqquadro la casa, trovato però solo un bottino piuttosto scarno - qualche gioiello e del denaro in contanti - ed è qui che è iniziata la violenza: dopo aver legato i presenti, sono iniziati gli insulti e le minacce.

Rosi, 38 anni, nel tentativo di proteggere i suoi familiari, si è avventato contro i malviventi, armati di due pistole. Uno di loro, a quel punto, ha aperto il fuoco contro Rosi, sparandogli ben 4 colpi ed uccidendolo.

Poi hanno distrutto tutti i telefoni cellulari delle quattro vittime e si sono dati alla fuga utilizzando l'automobile di Rosi, poi abbandonata a pochi chilometri di distanza.

Al momento i tre banditi, descritti dai presenti come provenienti dall'est Europa, risultano latitanti: posti di blocco sono stati istituiti in tutta la provincia, mentre gli inquirenti sono già al lavoro sul luogo del delitto alla ricerca di eventuali tracce lasciate dai criminali che, stando a quanto si è appreso, hanno agito indossando dei guanti.

Le indagini continuano.

Via | Umbria24News
Foto | La Nazione

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: