Camorra, clan Mallardo: arrestato il boss latitante Michele Di Nardo

Michele Di Nardo è stato arrestato a Palinuro dopo quasi un anno di latitanza. Considerato l'attuale reggente del clan Mallardo, era ricercato per associazione mafiosa ed estorsione.

Si è conclusa in un bar di Palinuro, località balneare in provincia di Salerno, la breve latitanza di Michele Di Nardo, 34 anni, ritenuto dagli inquirenti il reggente del clan camorristico dei Mallardo, attivo nel territorio di Giugliano in Campania, a nord di Napoli.

Il giovane boss, ricercato in tutta Europa dal 2012 e inserito nella lista dei latitanti più pericolosi stilata dal ministero dell'Interno, era seduto al bar insieme alla sua compagna quando i carabinieri del nucleo investigativo del gruppo di Castelo di Cisterna, in provincia di Napoli, sono entrati in azione e l'hanno arrestato.

Di Nardo, nipote di Francesco e Giuseppe Mallardo, due capicosca dell’omonimo clan giuglianese ora condannati all'ergastolo, era considerato da anni un elemento di spicco del clan e secondo gli inquirenti avrebbe preso in mano le redini proprio dopo l'arresto dei due boss.

L'uomo era ricercato per associazione mafiosa ed estorsione ed era riuscito a sfuggire a ben due ordinanze di custodia cautelare emesse nell'aprile 2012 e nel luglio scorso. Ora per lui si sono aperte le porte del carcere.

Foto | TMNews

  • shares
  • Mail