Fermati tre rapinatori minorenni in provincia di Caserta

Sono tre ragazzini napoletani, "in trasferta" per svaligiare una farmacia di Marcianise


Sono tre minorenni di età compresa tra i 14 e i 17 anni i responsabili di due rapine ad altrettante farmacie di Marcianise, in provincia di Caserta. La vicenda è tantopiù sorprendente visto che i tre rapinatori in erba si sono dimostrati particolarmente spregiudicati nell'uso delle armi e con un sangue freddo degno di delinquenti consumati. La loro breve carriera criminale è stata fermata dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise, in collaborazione con la stazione Carabinieri Sant’Arpino.

Le due rapine si sono verificate a giugno e ad agosto nel grosso centro in provincia di Caserta, non nuovo alle cronache criminali, con modalità simili. In entrambi i casi i tre rapinatori hanno fatto irruzione in pieno giorno nella farmacia seminando il panico tra i presenti, armi in pugno hanno costretto i clienti a distendersi a terra, non mancando di minacciare anche anziani e bambini. Proprio la particolare pericolosità e spregiudicatezza dei tre ragazzini ha spinto gli inquirenti a fare luce sull'episodio, anche grazie alla presenza dei nastri delle telecamere di sorveglianza e a particolari apparecchiature elettroniche in dotazione.

Proprio analizzando le riprese registrate durante le rapine, i carabinieri hanno avuto la prova che i colpi erano opera della stessa gang, e hanno proceduto all'identificazione dei tre responsabili, tutti minorenni di Caivano, in provincia di Napoli. Dal loro paese di origine erano andati per due volte "in trasferta" a Succivo colpendo una farmacia del centro.

A quanto pare, uno dei tre minorenni si stava preparando a fuggire, aiutato dai familiari, ed è stato arrestato poco prima di mettere in atto la fuga. Ora tutti e tre i ragazzini sono stati portati all’istituto di pena per minori di Napoli Colli Aminei.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail