Ragusa, falsi invalidi: indagati politici e medici

Le invalidità riconosciute dalle commissioni mediche spesso e volentieri erano fittizie o aggravate dopo le raccomandazioni dei politici.

Sono in tutto 197 le persone denunciate dalla Guardia di finanza a Ragusa al termine di un'indagine sui falsi invalidi.

Le Fiamme gialle parlano di gestione clientelare delle nomine dei componenti delle commissioni mediche per far ottenere false invalidità a persone sane segnalate da alcuni politici, per un danno erariale di un milione di euro circa.

Nelle maglie dell’inchiesta sono finiti in nove tra politici e addetti alle loro segreterie, fra loro gli ex deputati regionali Riccardo Minardo (Mpa) e Innocenzo Leontini (Pdl), e ben 74 medici e dipendenti dell'Azienda sanitaria provinciale di Ragusa.

La accuse a loro carico vanno dall’associazione a delinquere alla truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche passando per il falso ideologico. I 114 falsi invalidi individuati dagli accertamenti della Gdf, devono invece rispondere di concorso in truffa aggravata per poi risarcire le somme indebitamente percepite.

Nel mirino degli investigatori, che si sono avvalsi anche di intercettazioni telefoniche e ambientali, la gestione degli incarichi in seno alle diverse commissioni dell'Asp 7, che sarebbe avvenuta secondo l’italica pratica della lottizzazione politica.

Le invalidità riconosciute dalle commissioni mediche, sempre secondo le indagini, spesso e volentieri erano fittizie o aggravate dopo le raccomandazioni di esponenti politici. Le verifiche della finanza su centinaia di cartelle cliniche sono state supportate da un perito medico.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail