Ventimiglia, uccide il padre e tenta la fuga: arrestato Gabriele Forino

Roverino. Ha ucciso il padre a badilate durante una violenta lite, poi ha cercato di fuggire. Gabriele Forino è stato arrestato con l'accusa di omicidio aggravato.

Un giovane di 30 anni, Gabriele Forino, è stato arrestato oggi a Ventimiglia con la pesante accusa di aver ucciso il padre Eliseo, 64enne ex dipendente Enel, ammazzato a badilate nel corso di una violenta lite nel giardino della loro abitazione.

Il delitto è avvenuto intorno alle 12 di oggi a Roverino. Ancora da chiarire i motivi del folle gesto e l'esatta dinamica, anche se sembra che il litigio sia cominciato in casa e che i due si siano poi spostati in giardino.

All'arrivo dei soccorsi non c'è stato nulla da fare, la vittima era già deceduta. Il figlio, invece, avrebbe cercato di darsi alla fuga prima di venir rintracciato e arrestati dai carabinieri. Il 30enne, con problemi psichici secondo quanto scrive Riviera24, è già stato condotto in caserma ed è attualmente sotto interrogatorio.

Del caso si stanno occupando i militari del Nucleo Operativo di Ventimiglia e quelli del Nucleo Investigativo. Già disposta l'autopsia sul corpo dell'anziano.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail