Mafia, i pm danno l'ok alla revoca del 41 bis per Bernardo Provenzano

Le procure di Palermo, Caltanissetta e Firenze si sono espresse a favore della revoca del 41 bis per il capomafia Bernardo Provenzano, da settimane ricoverato in gravi condizioni.

Sono peggiorate ulteriormente le già molto precarie condizioni di salute del superboss mafioso Bernardo Provenzano, detenuto in regime di 41 bis e da settimane ricoverato nell'ospedale civile di Parma. L'ultimo bollettino parla chiaro: "è vigile solo se stimolato, il suo eloquio non è comprensibile, quando è presente".

Alla luce di questo aggravarsi, le procure di Palermo, Caltanissetta e Firenze hanno dato parere favorevole alla revoca del 41 bis per il capomafia, come chiesto più volte dal suo legale, l'avvocato Rosalba Di Gregorio.

Questo non significa che il regime è stato revocato. L'ultima parola spetta ora al ministro della Giustizia, che si esprimerà sulla questione nelle prossime ore.

Provenzano, quasi 80enne, è da tempo afflitto da un tumore alla prostata e soffre di Parkinson e di un'encefalite in stato avanzato.

  • shares
  • Mail