Vendevano uno “sciroppo anti-cancro”: due truffatori sotto indagine

Due truffatori, ora sotto indagine, vendevano su Internet un finto sciroppo anti-cancro con prezzi dai 5 ai 15mila euro

 

Era soltanto un intruglio di olio di oliva e vitamina A, ma ai malati terminali, in lotta contro il cancro, veniva venduto come “sciroppo miracoloso”, una sorta di pozione magica in grado di sconfiggere il tumore. Per i truffatori non era difficile trovare chi, nella disperazione, fosse disposto a spendere dai 5 ai 15 mila euro per un flacone.

Questo almeno fino a quando la Procura di Isernia non ha aperto un’indagine su due persone per truffa aggravata, illecita commercializzazione di farmaci ed esercizio abusivo di attività medico-farmaceutica in concorso con un medico siriano residente a Bologna.

Il farmaco veniva commercializzato su Internet e una decina di famiglie sono state truffate. La denuncia è partita proprio dal fratello di una donna deceduta che aveva assunto il prodotto nella speranza di guarire.

Diffidate dei siti che vendono prodotti in grado di sconfiggere il cancro. L'unica terapia è quella praticata dai medici in ospedale,

è l’appello lanciato dal comandante dei Nas del Molise, Antonio Forciniti, e dal procuratore capo di Isernia, Paolo Albano.

Via | Messaggero

Foto © Getty Images

 

  • shares
  • Mail