Decapitato il clan Marfella di Pianura: 22 arresti

Colpito anche il clan dei Lago. L'operazione è servita anche per evitare il rischio di una nuova guerra di Camorra.

Duro colpo per il clan Marfella di Pianura, parte del cartello chiamato alleanza di Secondigliano: nella notte il fortino dei boss è stato preso d'assedio da una maxi operazione antidroga dei carabinieri.

22 gli arrestati, tutti persone gravemente indiziate di partecipazione ad associazione per delinquere di tipo mafioso, narcotraffico ed estorsioni nel quartiere napoletano. Il via libera all'operazione era stato dato dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.

Oltre ai Marfella è caduto vittima dell'operazione dei Carabinieri anche il clan dei Lago. Entrambi operavano da anni nella zona di Pianura e da tempo tra i due gruppi c'erano parecchie ruggini. Oltre agli arresti ci sono anche state diverse perquisizioni nelle case di altri pregiudicati della zona.

Tra gli arrestati anche nomi di spicco: Carlo Tommaselli, latitante, e Giovanni Romano, reggente del gruppo attorno al 2010, quando il clan Marfella strinse un'alleanza con alcuni fuoriusciti del clan Lago. L'operazione ha avuto anche l'obiettivo di anticipare una nuova guerra di Camorra, che i carabinieri temevano potesse scoppiare dopo l'omicidio di Fosco Di Fusco, assassinato dopo essere stato attirato fuori casa da una chiamata al citofono.

  • shares
  • Mail