Madre e figlio uccisi a Genova: almeno dieci coltellate, forse Monica Gilce conosceva il suo assassino

Duplice omicidio a Genova

L'assassino di Monica Gilce e Marcos Kleyner Ramirez è ancora in libertà. I due, madre e figlio di 37 e 13 anni, sono stati massacrati lunedì sera con più di dieci coltellate nella loro abitazione di via Balbi Piovera nel quartiere genovese di Sampierdarena.

A far emergere la brutalità del modus operandi è stata l'autopsia effettuata sui corpi delle due vittime, che ha confermato anche come a morire per prima sia stata la donna, indicativamente tra le 14 e le 15 di lunedì. Stessa sorte è toccata a suo figlio, forse rientrato da scuola quando il killer si trovava ancora all'interno dell'abitazione.

Il movente non è ancora stato accertato, così come non ci sono persone sospettate: gli inquirenti stanno valutando tutte le ipotesi, dalla rapina finita in tragedia - smentita in parte dai risultati dell'autopsia - ad un regolamento di conti da parte delle gang di latinos da anni radicate a Sampierdarena.

Quanto a quest'ultimo fronte, si legge su La Repubblica di Genova, l'attenzione degli inquirenti si starebbe concentrando sull'altro figlio della donna, John Ramirez, 18enne partito meno di un mese fa per l'Ecuador:

I militari del comando provinciale e di Sampierdarena, non tralasciano la pista delle bande, perché il ragazzo è partito il 15 novembre e, da quanto ha dichiarato il padre, non sarebbe ritornato per Natale. Sarebbero stati i genitori a raggiungerlo dopo la comunione del fratellino a metà gennaio. Perché voleva restare così tanto tempo distante da loro? Soprattutto da Marcos che lo adorava? Il padre, Josè, ha giurato ai carabinieri che le bande con la sua famiglia non c'entrano. Ma Monica conosceva chi l'ha uccisa e ha aperto la porta senza paura. Sicuramente chi ha brandito il coltello, e forse le forbici, ha avuto sangue freddo, tanto da aprire le finestre e farsi vedere da un vicino.

L'assassino potrebbe avere le ore contate. PrimoCanale conferma che il medico legale avrebbe trovato tracce di pelle, forse proprio del killer, sotto le unghie della donna. Tali tracce sono già in corso di analisi e i risultati dovrebbero arrivare entro la prossima settimana.

Nel frattempo le indagini vanno avanti.

  • shares
  • Mail