Caserta, estorsioni a imprenditori: 3 arresti nel clan Belforte

Le indagini hanno permesso di fare chiarezza su un episodio estorsivo ai danni di un imprenditore di Maddaloni. Due dei tre indagati si trovavano già in carcere per altri reati.

Tre giovani affiliati al clan camorristico Belforte, attivo tra i comuni di Marcianise, Capodrise e San Nicola la Strada, sono stati arrestati stamattina dai carabinieri di Caserta in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa su richiesta della Procura di Napoli.

Si tratta di tre pregiudicati - Michele Lombardi, Vittorio Lai e Michele Madonna - accusati di estorsione ai danni di un imprenditore nel settore della compravendita di mezzi industriali operante a Maddaloni, in provincia di Caserta.

Le indagini sono state condotte a partire dal febbraio 2012, quando i tre pregiudicati avrebbero costretto l'imprenditore a pagare mille euro dietro la minaccia di violenze. A supportare l'accusa ci sono anche le immagini che incastrano i tre giovani, ripresi dai carabinieri con tre sistemi di videosorveglianza.

Le tre ordinanze sono state eseguite a Maddaloni e nel carcere di Secondigliano e in quello di Santa Maria Capua Vetere, dove due degli indagati erano già detenuti, Vittorio Lai e Michele Madonna.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail