Scatti di nera - Gli intoccabili

Gli intoccabili

Siamo nella Chicago degli anni '30: Da una parte Al Capone/De Niro che strizza l'occhio a stampa e polizia, dall'altra quattro uomini diversissimi tra loro decisi a porre fine al suo impero. Gli Intoccabili, ovvero incorruttibili; uomini tutti di un pezzo che vengono introdotti l'uno dopo l'altro in quattro scene sequenziali, Elliot Ness come uomo di famiglia, Malone, un Connery in ottima forma, come duro ma onesto "sbirro di strada", un giovanissimo ed italoamericano Andy Garcia come uomo d'azione dalla mira infallibile e il contabile Oscar Wallace, vero pesce fuor d'acqua che per primo rimarra vittima del gioco al massacro.

Capone Foto di gruppo Capone 2 Garcia Contabile

Dopo questo inizio francamente didascalico e scontato il film si mette in moto sul serio in un susseguirsi di scene ed inquadrature che rimangono nella storia del cinema, parliamo ad esempio dell'omicio di Connery, la scena con la mazza da baseball di Capone, fino fino alla scena madre di tutto il film, con la carrozzina giù per le scale, in una citazione così raffinata ma evidente della "Corazzata Potemkin" che spesso il film è stato lasciato in secondo piano fino a ridurlo a questa sola sequenza (e ovviamente alla battuta finale "Sei solo chiacchere e distintivo!).

Stazione1 Stazione2 Stazione3 Stazione 4

"Gli Intoccabili" è uno strano ibrido, western camuffato da poliziesco, con personaggi stereotipati al limite dell'eccesso ma sempre e comunque godibili, e questo perchè sia Kevin Costner sia Sean Connery ma anche il giovanissimo Andy Garcia, regalano una interpretazione pulita, senza sbavature personali, senza eccessi istrionici che facciano uscire dal copione, e ci va anche bene così visto che con tanti pezzi grossi c'era il rischio di strafare. Diverso è il discorso per Robert De Niro: troppo poco sfruttato il suo Capone, personaggio che poteva dare molto e a cui si chiede solo qualche smorfia tipica dell'attore, e di cui deve rimanerci impressa solo la violenza e la finta morale, oltra a qualche battuta d'effetto ("su una barca è spaccio clandestino, nei quartieri alti è ospitalità").
Il finale è quasi a sorpresa, ma non per la prevedibile fine di Capone quanto per un Ness trasformato da integerrimo uomo di legge a uomo che va oltre essa, raccogliendo l'insegnamento di Connery e mettendo la parola fine sul film con una stretta di mano a Garcia, giustizia è stata fatta, ma a che prezzo?
Gli intoccabili

toccabili Morte Connery Ness
Distintivo Ness1 Ness2
Ness3 Ness e Malone West

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: