Neonato scomparso a Folignano: tracce di sangue in casa e nell'auto del padre

Ris_bimboscomparsoFolignano

I rilievi effettuati ieri nell'abitazione di Katia Reginella e Denny Pruscino, i genitori del piccolo Jason, il bimbo di due mesi e mezzo visto l'ultima volta il 5 luglio scorso, si sono conclusi con successo.

I carabinieri dei Ris che hanno analizzato la mansarda di via Verona a Piane di Morro, frazione di Folignano, avrebbero trovato piccole tracce di sangue - nella stanza del bimbo e nell'autovettura di Pruscino - che ora saranno analizzate in laboratorio.

Che il piccolo sia morto lì e, secondo quanto il poco credibile racconto della madre, sia stato portato nel bosco di Castel Trosino e sepolto? E' ancora presto per dirlo, visto che le ricerche del corpicino in tutta l'area non hanno portato alcun risultato.

Al sopralluogo di ieri, contrariamente a quanto reso noto in un primo momento, non hanno preso parte i genitori del bimbo, entrambi in carcere con l’accusa di maltrattamenti, abbandono di minore in concorso e occultamento di cadavere.

E mentre le analisi dei Ris proseguono, così come le ricerche del piccolo, gli inquirenti non hanno ancora chiesto un nuovo interrogatorio per Pruscino - che non è il padre naturale di Jason, ma lo ha riconosciuto - la cui versione dei fatti sembra essere quella più vicina alla realtà.

Lui, ne parlavamo anche ieri, ha dichiarato che il bimbo è vivo e vegeto e si trova all'estero affidato a terze persone. Per questo motivo le ricerche si stanno concentrando anche in Svizzera e in Germania, dove risiedono i parenti dei genitori di Jason.

Via | Il Resto Del Carlino

  • shares
  • Mail