Mazara del Vallo: in manette genitori pedofili, indagate altre tre persone

MazaraDelVallo_Map

Due persone sono finite in manette a Mazara Del Vallo, in provincia di Trapani, con l'accusa di aver violentato e maltrattato la figlia di appena 4 anni, costretta anche a guardare video porno ed assistere ad incontri sessuali di gruppo.

I due, un pregiudicato di 40 anni e la sua compagna di 27, non sarebbero però stati gli unici protagonisti di questa squallida vicenda: altre tre persone, infatti, risultano indagate. Si tratta di R.S., 50 anni, che deve rispondere di sfruttamento della prostituzione, C.M., 38 anni, e S.A., di 43, accusati di avere assistito ai filmati in presenza della bambina.

Le accuse peggiori, però, sono quelle mosse nei confronti dei due genitori della bimba, che avrebbero portato avanti le violenze per mesi interi.

Ne parla L'Unione Sarda:

L'uomo, L.T., è accusato di aver fatto prostituire le due conviventi, con l'aggravante di minacce e violenze nei confronti delle donne. La ventisettenne, C.A., deve rispondere di concorso nella violenza sulla figlia che lei stessa, secondo gli inquirenti, maltrattava sistematicamente legandola a una sedia, picchiandola e costringendola ad assistere ad atti sessuali, anche di gruppo, a subire le attenzioni del padre e a guardare video pornografici. L'altra convivente è indagata per avere costretto la bimba di 4 anni ad assistere alle orge a cui la donna prendeva parte assieme ai genitori della bambina e ad altri uomini, mentre venivano proiettati filmini porno.

Mentre le indagini sono ancora in corso, la giovanissima vittima è ospitata in una struttura assistenziale.

Via | Sicilia Online

  • shares
  • Mail