Omicidio Carmine De Luca: fermata presunta assassina Francisca Binicio Medina

Svolta nelle indagini sull’omicidio di Carmine De Luca, 70 anni, ucciso a coltellate il 28 maggio scorso nella sua abitazione a Piano Grande di Torricella Sicura (Teramo). In manette è finita una donna di 27 anni, dominicana.

Francisca Binicio Medina è stata arrestata ieri sera dai carabinieri nel quartiere Sampierdarena a Genova. Accompagnata nella caserma di Forte San Giuliano per essere fotosegnalata la donna ha tentato una improbabile fuga lanciandosi da una finestra. Si è lussata una gamba e si è procurata una lesione a un polmone. Anche un carabiniere è rimasto ferito alla schiena nel tentativo di fermarla.

Le indagini avevano puntato fin dall’inizio su una persona che conosceva la vittima, nessun segno di effrazione era stato trovato sulla porta dell’abitazione di De Luca.

Le testimonianze di amici e parenti dell'uomo, lo studio dei tabulati telefonici e le analisi scientifiche del Ris sulle tracce di sangue trovate nell’abitazione di Piano Grande hanno fatto il resto. Rilevato un dna femminile, gli investigatori hanno stretto il cerchio intorno ad alcune donne che il commerciante di auto poteva conoscere o aver frequentato.

De Luca venne colpito con una decina di coltellate, quella fatale alla gola, al culmine di una lite. Dietro il delitto per gli inquirenti ci sarebbero questioni economiche. L'interrogatorio di Francisca Binicio Medina - che pratica la prostituzione tra Genova e Pordenone secondo i carabinieri - è previsto per oggi. La donna si trova in stato di fermo con l'accusa di omicidio volontario.

Via | Abruzzo Web

  • shares
  • Mail