L'FBI lancia una campagna pubblicitaria per trovare Catherine Elizabeth Greig, storica partner del serial killer James J. Bulger

Ci siamo già occupati del serial killer statunitense James J. Bulger, il primo dei 10 criminali più ricercati dall'FBI per almeno 19 omicidi ed una serie infinita di altre reati. Ora dovrebbe avere 81 anni e, nonostante qualche avvistamento mai accertato in diversi stati americani, di lui non si hanno notizie dal 1995.

Ora l'FBI ha lanciato una campagna pubblicitaria - lo spot di 30' che vedete qui sopra trasmesso in quattordici diverse città degli Stati Uniti - destinata alla ricerca di Catherine Elizabeth Greig, fidanzata storica di Bulger, fuggita con lui e mai ritrovata.

Lei, ricercata per aver aiutato il serial killer a fuggire, oggi ha 60 anni e le foto diffuse dall'FBI risalgono agli anni '90. Lo spot sottolinea che la donna potrebbe essersi sottoposta ad interventi di chirurgia ed invita chiunque abbia informazioni su di lei a contattare l'FBI.

Questi 30 secondi saranno trasmessi durante programmi televisivi rivolti prevaletemente ad un pubblico femminile. La Greig, secondo le informazioni in possesso dell'Agenzia, in passato avrebbe lavorato come igenista dentale e come estetista e non è escluso che, durante la sua lunga latitanza, abbia trovato impiego in questi campi.

Stiamo cercando quell'amica, quella collega, quella vicina di casa, quella parrucchiera o estetista che potrebbe riconoscerla.

A parlare è Richard DesLauriers, agente speciale al comando della divisione dell'FBI di Boston, che ripone anche molta fiducia nei social network. Non si può escludere, infatti, che la donna, sotto falso nome, possa anche aver creato un profilo online o che comunque possa comparire nelle foto pubblicate da qualcun altro.

Per questo motivo, oltre a suggerire di visitare il sito dell'FBI, DesLauriers segnala anche il profilo su Facebook e Twitter dell'Agenzia, dove è possibile reperire informazioni su Catherine Elizabeth Greig e tutti gli altri ricercati.

Via | Washington Post e Huffington Post

  • shares
  • Mail