Roma, risolto il caso dell'omicidio di Laura D'Argenio: in manette il fidanzato 23enne della nipote

Laura D�Argenio

Si può considerare concluso il giallo sulla morte di Laura D'Argenio, l'anziana trovata morta il 7 giugno nella vasca da bagno della sua abitazione in via Marco Fulvio Nobiliore a Roma.

In un primo momento si era pensato ad un suicidio troppo elaborato - filo del telefono stretto intorno al collo, tagli su tutto il corpo, cartacce incendiate sparse per la casa - ma grazie alle immagini dell'impianto di videosorveglianza che l'anziana aveva fatto installare nell'abitazione, il mistero si è risolto.

Ad uccidere la 75enne, rivelano gli inquirenti, sarebbe stato un ragazzo di 23 anni, fidanzato della nipote della donna. Il giovane, si è era presentato a casa della D'Argenio il giorno del suo compleanno e, con l a scusa di portarle un regalo, era riuscito ad entrare in casa.

Poi, a quanto pare guidato da alcune "voci", il 23enne avrebbe deciso di uccidere l'anziana. Pare che abbia anche provato a sciogliere il suo corpo nell'acido, in un maldestro tentativo di cancellare ogni prova.

Il giovane è già stato arrestato: maggiori dettagli sul caso saranno resi noti nel corso delle prossime ore.

  • shares
  • Mail