Omicidio Elisa Claps: ecco come è stato incastrato Danilo Restivo


Il Dna rilevato sulla maglia indossata da Elisa Claps il giorno in cui fu uccisa è di Danilo Restivo. Ne sono certi, al 99,99999999%, i carabinieri del Ris che hanno analizzato quei tessuti.

Ne abbiamo parlato spesso in questi ultimi giorni, ma oggi l'Ansa ha pubblicato le immagini del maglione analizzato e fornito una descrizione del processo eseguito dal colonnello Giampietro Lago e dal maggiore Andrea Berti.

Un lavoro estremamente complesso cominciato con la ricerca, mediante la luce del Crimescope e il Luminol test, di tracce biologiche su tutti i reperti a disposizione. Ne sono state trovate numerose, tutte con il profilo genetico di Elisa Claps. Tuttavia, sulla maglia della vittima, nella zona della scapola sinistra, e’ stata individuata una traccia piu’ complessa, “un misto” di sostanze ematiche e di saliva (individuate seguendo uno schema “a griglie”) con due profili genetici diversi, uno femminile – di Elisa Claps – e uno maschile.






A quel punto, lo conferma anche la Gazzetta Del Mezzogiorno, "i periti hanno voluto avere certezza del profilo genetico di Danilo Restivo":

lo hanno estrapolato da una tazza e da una federa sequestrati dalla polizia inglese in casa dell’uomo e lo hanno comparato con il profilo genetico di Restivo trasmesso dalle autorita’ del Regno Unito su rogatoria della magistratura italiana. Avuta certezza assoluta sul Dna dell’indagato, il “profilo Restivo” e’ stato comparato con quello maschile isolato dalla traccia ematica rilevata sulla maglia di Elisa Claps, con esito positivo: “al di la’ di ogni ragionevole dubbio”, hanno sottolineato, con calcolo scientifico, i due periti.

Ora i due ufficiali del Ris, in attesa dell'udienza preliminare del processo italiano a Danilo Restivo, spiegeranno l'intera procedura di analisi alla corte che dovrà giudicare il 39enne potentino in Inghilterra, dove l'uomo è sotto processo per l'omicidio della sarta Heather Barnett.

La prossima udienza è fissata per mercoledì.

Via | La Gazzetta Del Mezzogiorno

  • shares
  • Mail