Serino, Avellino: cadavere di donna sul Monte Terminio, un indagato


È stato identificato il cadavere in avanzato stato di decomposizione trovato domenica scorsa in località Maggese, sul Monte Terminio (Avellino). L’autopsia ha confermato i sospetti della prima ora: il corpo è quello di Alina, una badante ucraina di 55 anni, scomparsa venti giorni fa.

Un uomo di 65 anni di Serino è stato iscritto nel registro degli indagati. “Sono innocente, non so nulla della morte dell’ucraina” avrebbe detto ai carabinieri. Gli esami medico-legali hanno stabilito che la donna è stata uccisa. Dietro il delitto potrebbe esserci secondo gli investigatori un movente passionale.

L’avvocato dell’uomo -scrive Otto pagine- ritiene che l’interrogatorio sia da “rimettere a verbale” perché svolto in sua assenza. Il sospettato dal canto suo rigetta ogni accusa, a partire dalle ipotizzate ragioni dell’omicidio.

Sposato e padre, il 65enne avrebbe sostenuto di non aver avuto relazioni extraconiugali, di conoscere Alina ma di non averla mai frequentata.

Gli investigatori sono arrivati a lui dopo aver sentito amici e conoscenti della donna i quali avrebbero raccontato di come Alina fosse perseguitata e minacciata da un uomo.

La sua scomparsa era stata denunciata da un anziano di Avellino che Alina ha accudito fino al 20 maggio scorso, prima che se ne perdessero le tracce.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail