Omicidio Melania Rea, legale di Salvatore Parolisi: "indagare a 360 gradi"

rea_carmela_melania

L'avvocato Walter Biscotti, legale di Salvatore Parolisi, ha precisato ieri che: “non esiste alcun memoriale che la difesa di Parolisi sta redigendo o vuole consegnare agli investigatori. Noi continuiamo a rimanere a disposizione degli inquirenti per qualsiasi necessità, e abbiamo fiducia nella magistratura e nel ruolo che sta svolgendo in questa delicata vicenda”.

"Gli inquirenti devono indagare a 360 gradi se vogliono scoprire la verità, e non concentrarsi solo su Parolisi, anche se questa sembra la strada più comoda". Carmela Melania Rea è stata trovata cadavere il 20 aprile nel bosco delle Casermette di Ripe di Civitella (Teramo); il marito Salvatore, caporalmaggiore dell'esercito in servizio alla caserma Clementi di Ascoli, ne aveva denunciato la scomparsa due giorni prima da Colle San Marco.

Ieri pomeriggio c’è stato un nuovo vertice in Procura ad Ascoli tra inquirenti e investigatori. Non sono previsti nuovi interrogatori, almeno a breve. A 50 giorni dal delitto, la morte di Melania resta un “rompicapo”. Nessun nome compare nel registro degli indagati. La speranza è che la relazione finale dell’autopsia e i risultati degli esami sui reperti analizzati dagli esperti dei carabinieri possano indirizzare le indagini verso una pista concreta.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: