UK: uccise a coltellate un estraneo, carcere a vita per il 37enne Mark Parrish

Mark Parrish

Mark Parrish, lo vedete in foto, la mattina del 1° gennaio 2004 aveva molti motivi per essere felice: aveva appena ufficializzato il suo fidanzamento e, da lì a poco, si sarebbe sposato.

Stava passeggiando per le vie di Dagenham, Londra, quando è incappato nella coppia formata dal 25enne Christopher Taylor e la coetanea Jamie Girvan. I due stavano litigando e Parrish, del tutto estraneo alla situazione, è intervenuto massacrando a coltellate Taylor.

Al grido di "toglile le mani di dosso", il 37enne ha estratto un coltello ed ha colpito il giovane con ben otto coltellate. A quel punto è intervenuto lo zio di Taylor, Barry Edwards, che ha cercato di allontanare Parrish ma è stato colpito a sua volta con alcune coltellate.

L'uomo si è poi dato alla fuga, lasciando Taylor morto a terra e lo zio ferito.

Nonostante i fatti risalgano al 2004, Parrish è stato arrestato solo lo scorso anno: accadde tutto così in fretta che i vari testimoni oculari non riuscirono ad identificare l'agggressore e le autorità chiamate sulla scena del crimine non trovarono tracce che potessero collegare il 37enne Parrish a quell'omicidio.

Parrish riuscì a farla franca per qualche anno, mentre un innocente fu arrestato ed accusato di quell'omicidio, salvo poi essere assolto nel 2006.

La svolta nel 2010: un'ex fidanzata di Parrish, Kirsty Spencer, si è recata dalle autorità dicendo che l'uomo le aveva confessato di aver ucciso Christopher Taylor.

Nel corso delle settimane successiva altre tre ex-fidanzate dell'assassino si fecero avanti a confermarono quanto dichiarato dalla Spencer.

A quel punto Parrish, che nel corso degli interrogatori si è sempre dichiarato innocente, è stato arrestato e ieri, dopo due settimane di processo, è stato condannato: carcere a vita per l'omicidio di Christopher Taylor e il tentato omicidio di Barry Edwards.

Dovrà scontare almeno 26 anni prima di poter avanzare richiesta per la libertà vigilata.

Via | London24

  • shares
  • Mail