Omicidio Sarah Scazzi: prelevato dna di Cosima Serrano, Carmine Misseri e Ivano Russo. Cosimo Cosma si è rifiutato

CosimaSerrano_2011

Importante aggiornamento nell'inchiesta sull'omicidio di Sarah Scazzi, uccisa il 26 agosto scorso ad Avetrana. I carabinieri del Ris, stando a quanto trapelato nelle ultime ore, avrebbero isolato un dna completo e individuato anche tracce biologiche con frammenti di dna parziali sul cellulare di Sarah, tracce riferibili ad una donna e ad un uomo.

Gli inquirenti, si legge su La Gazzetta Del Mezzogiorno, avrebbero già escluso che queste tracce siano riconducibili a Michele e a Sabrina Misseri.

Per questo motivo, nella giornata di ieri, sono stati prelevati, tramite tamponbe, campioni di dna di Cosima Serrano, madre di Sabrina Misseri e moglie di Michele, di Carmine Misseri, fratello di Michele, e di Ivano Russo, il ragazzo al centro di una contesa tra Sabrina e Sarah.

Niente da fare, invece, per il dna di Cosimo Cosma, nipote di Michele Misseri, arrestato il 23 febbraio scorso con l’accusa di aver aiutato Misseri a liberarsi del corpo della nipote e scarcerato il 10 marzo.

Cosma, tramite il suo avvocato, si è rifiutato di fare il prelievo:

Non siamo contrari a priori a sottoporci all’esame del Dna, anche perché non abbiamo nulla da nascondere, ma vogliamo che le regole procedurali siano rispettate e che dunque l’avviso per il prelievo sia fatto nelle modalità previste dal codice, con la notifica anche all’avvocato.

Le indagini proseguono.

  • shares
  • Mail