Strage di Erba: Olindo Romano a processo per l'aggressione ad un agente penitenziario. Sarà sottoposto a perizia psichiatrica

OlindoRomano2011

Olindo Romano, condannato all'ergastolo insieme alla moglie Rosa Bazzi per la strage di Erba, è attualmente sotto processo per un'aggressione avvenuta il 27 gennaio 2009 nel carcere delle Novate a Piacenza.

Olindo, accusato di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, avrebbe messo in atto una sorta di resistenza per non far togliere dalla guardia un sacchetto di plastica che era stato attaccato alle sbarre della cella per convogliare l’acqua e non permettere che questa cadesse sul letto.

L'agente penitenziario, ne avevamo già parlato, era finito al pronto soccorso per curare le escoriazioni al volto e Olindo era poi stato spostato nel carcere di Opera.

Ieri, nel corso dell'udienza, sono stati sentiti alcuni agenti della polizia penitenziaria e la psicologa del carcere di Como, che ha illustrato la situazione instabile di Olindo Romano a seguito del trasferimento nel penitenziario piacentino.

I difensori di Romano, Fabio Schembri e Luisa Bordeaux, hanno chiesto che l'uomo venga sottoposto a perizia psichiatrica e il giudice Elena Stoppini, contrariamente a quanto si poteva immaginare, ha deciso di accogliere la richiesta.

Il perito verrà nominato nel corso della prossima udienza, fissata per il 27 aprile. Questo il commento dei legali dell'uomo:

Non ci era stata concessa la perizia per il processo della strage di Erba con gravissime accuse e ci è stata invece concessa per questo processo che vede imputato il nostro assistito di reati non così gravi. Non abbiamo mai capito perché non ci è mai stata concessa prima la perizia, quando in Italia una perizia psichiatrica non si nega a nessuno.

Via | Piacenza24

  • shares
  • Mail