Germania: stuprò figliastra per 20 anni. Condannato ex camionista Detlef S.


Due giorni fa ha ammesso di aver violentato per anni la figliastra, di aver abusato del fratello di lei e della figlia naturale. Ieri la corte di Coblenza, in Renania-Palatinato, lo ha condannato a 14 anni e mezzo di reclusione ed è finito in carcere. Si chiama Detlef S., 48 anni, ex camionista, ribattezzato il Joseph Fritzl tedesco.

A febbraio l’uomo si era assunto la paternità degli otto figli avuti dalla figliastra, uno è morto, ma aveva negato le violenze sulla ragazza, che oggi ha 28 anni, parlando di rapporti consenzienti. Lunedì però davanti ai giudici è crollato.

In lacrime ha confessato venti anni (dal 1987 al 2010) di abusi e violenze: 162 gli episodi contestati, a partire da quando i figli erano poco più che bambini. Picchiati con il battipanni, con una cinta usata come frusta, presi a pugni.

Terrorizzati al punto da non riuscire a parlare con nessuno di quanto erano costretti a subire. Gli abusi sono avvenuti nell'abitazione di famiglia a Fluterschen, villaggio di 750 abitanti poco distante da Coblenza. La moglie dell'uomo, si legge su Badische Zeitung, ha detto di non essersi accorta di nulla.

Detlef S. ha confessato anche di essersi fatto pagare da un amico che voleva avere rapporti sessuali con la figliastra, e la figlia biologica, mentre lui stava a guardare.

Al suo arresto si è arrivati quando la figlia naturale del 48enne, a luglio 2010, con una lettera l'ha denunciato alle autorità. Gli investigatori ci hanno messo poco a capire che era tutto vero; per l’uomo sono scattate le manette, per i figli la fine di un calvario.

Via | Bild.de

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: