Omicidio Yara Gambirasio: c'è Dna dell'assassino ma nessun sospettato

Yara Gambirasio

Sono a una svolta le indagini sull’omicidio di Yara Gambirasio? Dei quattro diversi profili genetici trovati sul corpo e sugli indumenti della 13enne solo uno è ritenuto da chi indaga "altamente indiziario".

L'indiscrezione era trapelata già da un paio di settimane: si tratta di una traccia di Dna maschile rilevata su un indumento, lo slip, che non è suscettibile di contaminazione casuale a differenza delle altre 3 tracce trovate sui guanti e sul giubbotto di Yara. Per gli inquirenti quello sarebbe il Dna dell’assassino, un uomo che avrebbe agito da solo.

Sul corpo e sugli abiti di Yara non è stato rinvenuto liquido seminale, la traccia sugli slip sarebbe conseguenza di uno sfregamento. L'omicida potrebbe averla lasciata quando ha colpito la sua vittima alla schiena con un'arma da taglio. In ogni caso non c'è ancora nessun sospettato, le comparazioni finora effettuate con il Dna prelevato a oltre 2500 persone di Brembate Sopra e dintorni non hanno dato riscontri.

Via | Bergamo News

  • shares
  • Mail