Lorena Cultraro: prima violentata e poi strangolata dal branco

Lorena Cultraro, la quattordicenne di Niscemi trovata morta in un pozzo in contrada Giummarra, è stata uccisa perchè forse incinta. A strapparle la vita, secondo gli inquirenti, tre ragazzini poco più grandi di lei, le cui generalità non sono ancora state rese note. Avrebbero pianificato via sms l'omicidio, attirando in un casolare alla periferia dell'abitato la loro vittima. Agghiaccianti i dettagli rivelati da uno dei tre. Hai voglia a parlare di banalità del male, o di giovani generazioni allo sbando - qui a occhio il più vecchio è nato 1991 - o di branco:

La quattordicenne è stata fatta spogliare e insieme ai tre ragazzi ha iniziato a giocare. Poi uno di loro le ha stretto una corda attorno al collo, mentre gli altri due la tenevano ferma. E così è stata uccisa. Il corpo è stato trascinato per circa cinquanta metri fino ad una vasca d'irrigazione. I ragazzi hanno quindi legato un grosso masso al corpo di Lorena e l'hanno buttata in fondo alla cisterna. Prima di lasciare il posto, i minorenni hanno bruciato i vestiti della vittima e poi sono tornati a casa

L'avrebbero strangolata con un cavo della televisione. Per oggi è in programma l'autopsia di Lorena Cultraro, che potrà sciogliere uno dei punti più drammatici della vicenda: se davvero fosse incinta. Dopo il salto, un filmato che riassume la vicenda.

Via: La Sicilia

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: