Quartu Sant’Elena, duplice omicidio: ex carabiniere Patrizio Lai uccide Liliana Sainas e Manuel Angioni


Duplice omicidio nella serata di ieri a Quartu Sant’Elena (Cagliari), dove l'ex carabiniere Patrizio Lai, 50 anni, ha ucciso a colpi di fucile l’ex suocera, Liliana Sainas, 53 anni, e Manuel Angioni, 28 anni, indicato come compagno della ex moglie.

Secondo gli investigatori il movente è passionale. Lai avrebbe agito accecato dalla gelosia nei confronti della ex consorte, Valentina Sainas di 34 anni. Rimasta ferita alle gambe, la donna è stata ricoverata in ospedale. Tutto è avvenuto intorno alle 21.40 all'interno di una palazzina di via Pizzetti. Lai si è presentato alla porta gridando di aprire. Evidentemente nessuno si aspettava che fosse armato.

Una volta dentro l'appartamento l'uomo ha iniziato a sparare: prima ha colpito a morte la suocera, poi ha mirato al 28enne freddandolo con un solo colpo. Infine ha rivolto l'arma contro l'ex moglie e lo zio di quest'ultima, rimasto anche lui ferito alle gambe.

L'uomo si è poi dato alla fuga a bordo della sua mercedes Classe A grigia. Polizia e carabinieri lo stanno cercando senza sosta da questa notte. Lai, imprenditore edile con la passione per la caccia, si era congedato dall'Arma nell’82 dopo una ferma triennnale.

Update (11:50)
La fuga di Patrizio Lai, l'ex carabiniere che ieri aveva ucciso la suocera e il compagno dell'ex moglie, si è conclusa con un suicidio. Gli inquirenti avevano considerato l'ipotesi che l'uomo potesse togliersi la vita. Il cadavere di Lai è stato rinvenuto nella zona del lago Simbirizzi, a pochi chilometri da Quartu Sant'Elena, all'interno dell'auto con la quale aveva fatto perdere le proprie tracce dopo il duplice omicidio. L'uomo si sarebbe sparato un colpo di fucile alla testa nelle prime ore del mattino.

Via | L'unione Sarda
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail