Sedicenne sgozzato per le strade di Londra

Un giovane viene sbattuto fuori due volte di seguito da un negozio per via del suo comportamento. In piena crisi di nervi il ragazzo afferra un cartellone e lo lancia contro la vetrina, disintegrandola. Le commesse del negozio (la panetteria-pasticceria con l'insegna rossa che vedete nella foto) hanno il volto pieno di sangue, un altro ragazzo, Jimmy Mizen, vedendo l’accaduto, cerca di intervenire in aiuto delle donne e di calmare il teppista che si gira, afferra una scheggia di vetro e gli squarta la gola.

Non è una scena tratta da qualche nuovo film pulp bensì quella che sembra essere ormai la quotidianità per le strade di Londra. Solo ieri vi avevamo parlato dei due ergastoli per i membri di una gang giovanile e oggi dobbiamo tornare nella metropoli londinese per quello che è il tredicesimo omicidio di un minore in poco più di quattro mesi, cifre inaudite per una delle città più importanti del mondo.

I testimoni dell’accaduto hanno parlato di sangue sparso su tutta la strada e per il personale medico, che è stato chiamato tempestivamente, non c’è stato altro da fare che dichiarare la morte del ragazzo per dissanguamento. Jimmy Mizen aveva compiuto sedici anni lo scorso venerdì e stava preparando gli esami scolastici, la sua unica “colpa” è stata quella di tentare di calmare un ragazzo violento. Ancora nessuna traccia dell’assalitore.

Fonte: The Independent

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: