Manerbio, stalking: arrestato Giuseppe Tempini, ex fidanzato di Hina Saleem

L'ex fidanzato di Hina Saleem, la ragazza pachistana uccisa nel 2006 dal padre e alcuni familiari perché considerata di costumi troppo occidentali, è finito in manette con l'accusa di stalking nei confronti dell' ex convivente di 22 anni.

L'episodio è accaduto a Manerbio, Brescia, e risale alla notte di Natale. Secondo quanto riferito dai carabinieri l'uomo, Giuseppe Tempini, 37 anni, sarebbe stato bloccato e arrestato mentre cercava di sfondare con calci e pugni la porta di casa dell'ex compagna barricatasi dentro. Da quiBrescia:


Come ha spiegato la stessa ragazza agli agenti intervenuti, i due avevano avuto una relazione per circa un anno dalla quale avevano avuto anche un bambino. L'uomo, però, era spesso ubriaco e violento, e quindi la giovane aveva deciso di lasciarlo. Tempini non si è mai dato pace e avrebbe iniziato a perseguitare la ragazza, come dimostrerebbero tre denunce depositate.

Per calmare Tempini i carabinieri hanno dovuto chiamare rinforzi. Il 37enne non era riuscito ad accettare la fine della relazione con la ragazza e nonostante gli avvertimenti dei militari seguenti alle denunce avrebbe continuato a tormentarla. Fino all'arresto di due giorni fa. Dopo aver passato la notte in una camera di sicurezza della locale caserma dei carabinieri il 37enne è ora in attesa del giudizio per direttissima. Scrive Il Secolo XIX:

Ma dietro ai suoi comportamenti, raccontano oggi gli avvocati, gli amici, chi lo conosce da anni, c’è anche quella tragedia che ha sconvolto la sua mente. Quel ricordo terribile ha sconvolto la sua mente. Tempini, che nel 2006 conviveva con Hina, l’11 agosto aveva dato l’allarme per la scomparsa della ragazza, poi ritrovata sepolta nel giardino della casa di Sarezzo, in Valtrompia.

La ragazza, che non andava d’accordo con il padre perché voleva vivere all’occidentale, era stata seppellita e nascosta lì, nel giardino dei familiari.Fu proprio Tempini a portare al ritrovamento del corpo, prima denunciando la scomparsa della ragazza, poi aiutando i carabinieri nelle ricerche. In molti lo ricordano in lacrime, nei giorni successivi al ritrovamento del corpo di Hina.

Update
Il giudice stamattina ha disposto per Tempini il divieto di dimora a Manerbio dove vivono l’ex convivente e il figlio. Nel merito il processo è stato aggiornato al prossimo mese febbraio.

Via | Giornale di Brescia

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: