Livo: omicidio allevatrice Pierina Alietti. Fermato Valindo Rossini


Un’allevatrice di 59 anni, Pierina Alietti, è stata uccisa con due colpi di pistola alla schiena. È accaduto ieri intorno alle 13.00 a Livo, comune di 210 abitanti in provincia di Como.

Il presunto assassino della donna sarebbe un vicino di casa - Valindo Rossini, 62 anni, operaio - che dopo aver fatto perdere le sue tracce per qualche ora si è presentato spontaneamente ai carabinieri della stazione di Gravedona.

Secondo la ricostruzione dei militari ieri pomeriggio l’allevatrice e l’uomo avrebbero avuto una discussione perché alcune capre di Pierina Alietti, che era uscita di casa per radunare il suo gregge, erano entrate nel giardino dell’abitazione di Rossini attraverso un cancello aperto.

Il 62enne dopo aver inveito contro la donna avrebbe tirato fuori una pistola e fatto fuoco colpendola alla schiena, mentre il marito, riporta Qui Como, era impegnato a recuperare le capre. Pierina Alietti è morta sul colpo. All’omicidio pare abbia assistito un ragazzino che subito dopo è corso dal fratello della vittima, che abita a poca distanza, dando l’allarme.

Tutta la comunità ora ricorda la donna come “una grande lavoratrice”, “una persona semplice attaccata alla famiglia, alla sua terra e ai suoi animali”. Smentite le voci che parlavano di precedenti screzi tra l'allevatrice e Rossini.

L'uomo, separato, viene invece descritto in paese come una persona “schiva e riservata”. "Qui non è mai accaduto nulla del genere, siamo sconcertati" sono le parole del sindaco, Giuliano Bossio. In serata Rossini è stato portato al Bassone di Como a disposizione del pm di turno.

Via | La Provincia di Como
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail