Delitto di Perugia: al via mercoledì il processo d'appello per Amanda Knox e Raffaele Sollecito

delittodiperugia

Dovrebbe iniziare mercoledì, con la costituzione delle parti, il processo d'appello di Amanda Knox e Raffaele Sollecito, condannati in primo grado a 26 e 25 anni di carcere per l'omicidio della studentessa Meredith Kercher.

Questa volta la difesa dei due imputati dovrebbe unirsi molto più che in passato, scaricando ogni responsabilità su Rudy Guede, condannato a 16 anni di carcere.

Uno dei primi punti che la difesa ha intenzione di sottolineare riguarda la tecnica utilizzata dalla Polizia Postale per analizzare il computer di Raffaele Sollecito.

Gli inquirenti si sarebbero limitati a verificare l'apertura e la chiusura dei file, senza tenere in considerazione le operazioni compiute da tastiera e mouse, costantemente in movimento mentre Meredith veniva uccisa.

Quello che la difesa cerca di provare è che i due fidanzati avrebbero trascorso molto tempo al PC, guardando il film "Il Favoloso Mondo Di Amelie", ma anche ascoltando musica e guardando cartoni animati.

Non solo. Stando a quanto si è appreso, la difesa vorrebbe chiedere nuove perizie, in particolare sul reggiseno di Meredith, sul coltello indicatocome arma del delitto e sull'orario del decesso della studentessa inglese.

La difesa vorrebbe, inoltre, acquisire la testimonianza di Mario Alessi, condannato all’ergastolo per il rapimento e l’omicidio del piccolo Tommaso Onofri.

Il 49enne, mesi fa, aveva dichiarato di aver raccolto alcune confessione di Rudy Guede, secondo il quale "ad uccidere Meredith non sono stati Amanda e Raffaele, ma un altro uomo".

Queste dichiarazioni, però, erano state prontamente smentite dal diretto interessato, come potete leggere qui.

Il processo, dopo l'udienza di domani, dovrebbe riprendere il prossimo 11 dicembre.

Via | La Nazione

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: