Clinica degli Orrori: Santa Rita, arrivano le condanne. 15 anni all'ex primario Pier Paolo Brega Massone

clinica_santarita

Si è concluso ieri, poco prima della mezzanotte, il processo di primo grado relativo allo scandalo della clinica Santa Rita di Milano, lo scandalo sugli interventi chirurgici inutili effettuati con lo scopo di ottenere rimborsi dal sistema sanitario nazionale.

Pier Paolo Brega Massone, l'ex primario della clinica accusato di 83 casi di lesioni gravi e gravissime, di truffa aggravata al Servizio sanitario nazionale e falso, è stato condannato a 15 anni e sei mesi di carcere, contro i 21 chiesti dalla pubblica accusa.

Pena più lieve per il braccio destro di Massone, Pietro Fabio Presicci e il chirurgo toracico Marco Pansera: il primo dovrà scontare 10 anni, il secondo 6 anni e nove mesi.

I tre, interdetti per cinque anni dalla professione, dovranno anche risarcire una quarantina di parti civili fino a 80 mila euro ciascuno. Inoltre duecentomila euro dovranno essere versati all'Ordine provinciale dei medici, 40mila alla Asl di Milano e 30mila alla Regione Lombardia.

Condannati anche altri cinque medici della casa di cura, accusati della sola truffa allo Stato:

le pene oscillano dai due anni e 11 mesi (Eleonora Bassanino, Sergio Raponi e Mario Baldini) ai due anni e due mesi (Paolo Regolo), a un anno e sei mesi per Augusto Vercesi.

E c'è anche un assolto, il medico Giuseppe Sala. Luigi Fornari, legale di Pier Paolo Brega Massone, ha già fatto sapere che ricorrerà in Corte d'Appello e, se necessario, anche in Cassazione.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: