Cesenatico, omicidio: Eleonora Liberatore uccisa a coltellate da ex compagno


Sokol Pirra avrebbe premeditato l’omicidio della sua ex compagna Eleonora Liberatore. È l’ultima ipotesi formulata dagli investigatori che indagano sull’uccisione della donna avvenuta nel tardo pomeriggio di ieri a Villalta di Cesenatico.

Eleonora, 37 anni, dopo una giornata di lavoro si era incontrata con alcuni amici in un bar. Lì Pirra, elettricista albanese di 39 anni, l’ha raggiunta e uccisa. Secondo le testimonianze raccolte, prima ha costretto la donna a entrare nel locale con la forza, poi ha iniziato a trafiggerla più volte con una lama di 15 centimetri, colpendola al torace, alla schiena e alla giugulare.

La 37enne è morta quasi istantaneamente. Secondo i carabinieri l’uomo non sarebbe stato colto da un improvviso raptus, tanto più che aveva con sé l’arma del delitto che pare fosse occultata in un calzino.

Dopo l'omicidio Pirra è fuggito e successivamnete ha tentato di togliersi la vita salendo su un traliccio a poca distanza: una scossa elettrica gli ha squarciato il braccio, ma l'uomo è riuscito comunque a raggiungere un'abitazione in aperta campagna dove ai presenti ha riferito di aver ucciso. Ora si trova all’ospedale Bufalini di Cesena in prognosi riservata, piantonato dai carabinieri.

Pirra non si era mai rassegnato alla fine della relazione con la donna che dopo qualche tempo si sarebbe conclusa 3 mesi fa. "Ci sono ancora delle sfumature da delineare", ha detto a RomagnaOggi.it il comandante dei Carabinieri della Compagnia di Cesenatico. "Stiamo verificando tutti i particolari (...) ma non risulterebbero provvedimenti cautelativi che vietassero all'uomo di avvicinarsi alla donna".

Via | Il Resto del Carlino
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: