Nigeria: setta fa strage di poliziotti

Strage di poliziotti in Nigeria dove secondo Al Jazeera sarebbero almeno 23 gli agenti caduti in una imboscata tesa loro da una setta locale, denominata Ombatse (cioè “È giunto il momento”). Il bilancio potrebbe essere però ancora più pesante come riferito da un responsabile delle Forze dell’ordine locali il quale ha precisato che i poliziotti sono stati prima uccisi a colpi di arma da fuoco e poi dati alle fiamme. Secondo quanto dichiarato da Abayomi Akeremale:

"alcuni uomini armati hanno sparato sui poliziotti che stavano per arrestarli".

La mattanza si è consumata martedì a 10 chilometri da Lafia, capitale dello Stato di Nassarawa, al centro della Nigeria. La setta Ombatse si prefigge di purificare la società nigeriana dalla decadenza dei costumi, dai vizi, come l’alcolismo, e dalle pratiche di adulterio. Le indagini ora mirano ad accertare se i membri della setta ritenuta responsabile dell’agguato siano legati agli estremisti islamici del gruppo Boko Haram attivi sempre nello Stato di Nassarawa ma più a nord.

La parte occidentale del Paese africano è a maggioranza musulmana, nel Sud vivono soprattutto cristiani. Il gruppo etnico degli Eggon, uno dei principali del Paese, è invece formato sia da cristiani che da musulmani e mantiene legami anche con movimenti che si ispirano a culti pagani.

Gli scontri interreligiosi in Nigeria non sono affatto infrequenti, con centinaia di morti all’anno. Lo scorso Natale in una chiesa del villaggio di Peri, nello Stato di Yobe, durante la celebrazione della messa vennero uccisi sei cristiani.

  • shares
  • Mail