Torino: sgominato traffico di droga gestito dalla ‘ndrangheta

12.59 - Le indagini erano state avviate a novembre del 2011, cinque mesi dopo l’operazione Minotauro, e a seguito delle dichiarazioni di Christian Talluto che dopo l'arresto ha scelto di saltare il fosso diventando collaboratore di giustizia. Talluto, come riporta La Stampa, allora spiegò di essere affiliato al locale di 'ndrangheta di Giaveno - comune di 16.800 abitanti in provincia di Torino - indicandone reggenti e vertici, il “capo locale” e “il capo società” rispettivamente nelle persone di Giuseppe Mirabella e Salvatore Magnis.

Sono 17 gli arresti eseguiti questa mattina dai carabinieri del comando provinciale di Torino a carico di altrettanti presunti affiliati a un locale di ‘ndrangheta che, attivo nell'hinterland torinese, gestiva anche un traffico internazionale di droga, dalla Spagna all'Italia.

Nell’ambito della stessa inchiesta gli agenti della Squadra mobile di Torino hanno stretto le manette ai polsi di altre due persone ritenute legate alla mafia calabrese.  I provvedimenti di custodia cautelare in carcere sono stati emessi dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Torino per le ipotesi di reato, contestate a vario titolo agli indagati, di associazione di tipo mafioso e traffico di sostanze stupefacenti.

Nell’operazione sono stati posti sotto sequestro beni immobili per un valore di 1.500.000 euro circa, un’attività commerciale e 500 chilogrammi di hashish.  

(in aggiornamento)

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail