Scomparsa Sarah Scazzi: la famiglia chiede aiuto all'ex capo dei RIS Luciano Garofalo

SarahScazzi02

E' passato un mese dalla scomparsa di Sarah Scazzi, la 15enne di Avetrana di cui si sono perse le tracce lo scorso 26 agosto.

Al momento non ci sono piste valide, né indizi utili a fare chiarezza sulla vicenda: fuga volontaria o rapimento?

La famiglia della giovane, visto il punto morto in cui si trovano le indagini, ha deciso di chiedere la consulenza dell'ex capo dei RIS Luciano Garofalo, che ha così commentato la vicenda:

E' ancora prematuro per avere un quadro preciso, non ho letto le carte e non ho ancora parlato con il pubblico ministero con il quale m’incontrerò la prossima settimana quando tornerò ad Avetrana per iniziare le indagini. Voglio innanzitutto precisare che il nostro lavoro sarà solo di supporto e non potrà sostituirsi a quello che stanno egregiamente facendo gli investigatori della procura. Vale quindi il principio secondo cui quattro occhi vedono meglio di due. [...] Sono convinto che qualcuno potrebbe aver visto o sentito qualcosa e non ha ancora trovato il coraggio o l’opportunità per parlare. In un paesino così piccolo è quasi impossibile che nessuno abbia visto o sentito niente.



Non solo: la famiglia della giovane ha anche contattato i legali Walter Biscotti e Nicodemo Gentile - gli stessi di Rudy Guede e della famiglia della transessuale Brenda - che lavoreranno in coordinamento costante con l’ex Comandante del RIS di Parma.

  • shares
  • Mail