Verona: due cadaveri emersi dal lago di Garda, oggi e domani le autopsie

lagodigarda

E' ancora ignota l'identità dei due cadaveri emersi ieri dalle acque del Canale di Mezzo, a Peschiera: un uomo e una donna, mani e piedi legati, avvolti in cartoni.

Forse sono morti strangolati, forse sono stati uccisi in un altro luogo e trasportati a Peschiera dalla corrente.

L'uomo, seminudo, pare 70-75 anni è stato scorto e recuperato domenica sera a ridosso del bar Centrale alle 22. Il cadavere della donna invece è stato ripescato ieri mattina ad un centinaio di metri, di fronte alla pizzeria "La Vela". Come l'uomo aveva anche lei un sacchetto di nylon attorno al capo. Età apparente fra i 60 e i 65 anni, indossava una polo blu e una gonna rossa. Nel reggiseno due rotoli di banconote da 120 e 80 euro.



Questa mattina sarà effettuata l'autopsia sul corpo dell'uomo, mentre quella sulla donna è fissata per domattina.

Le autorità hanno reso noto che i due cadaveri non presentano segni di violenza né di ferite da arma da fuoco.

E' stata già avanzata un'ipotesi sul duplice delitto. Da Il Gazzettino:

I carabinieri sarebbero propensi a pensare che il duplice omicidio sia maturato in ambiente domestico. La vicinanza di età tra le vittime porterebbe a ipotizzare che possa trattarsi di una coppia. Ma non si esclude neppure l'ipotesi che la donna fosse una badante. Sul piano investigativo, al momento, non risulterebbero segnalazioni di persone scomparse, ma il fatto che quello che appare come un duplice omicidio è risalente probabilmente a ieri non ha fatto escludere che i familiari delle due vittime - non ancora identificate - non siano a conoscenza della loro scomparsa.

Via | Il Giornale Di Vicenza

  • shares
  • Mail