Santa Maria Capua Vetere, Caserta: arrestati ispettori Asl


Sono sei le persone arrestate dai carabinieri di Santa Maria Capua Vetere e Grazzanise (Caserta), con le accuse di associazione per delinquere finalizzata alla concussione, corruzione, rifiuto d'atti d'ufficio e falsità ideologica.

Tra loro anche ispettori della Asl di Santa Maria Capua Vetere. Alcuni dei destinatari delle misure cautelari avrebbero svolto ispezioni presso l'azienda D.s.m. Capua S.p.a. dove lo scorso 11 settembre si è verificato un incidente sul lavoro che ha causato la morte per asfissia di tre operai. I dettagli dell'operazione si leggono su Interno 18:

L'indagine ha consentito di acclarare che un gruppo formato da ispettori dell’ASL di Santa Maria Capua Vetere, a seguito delle verifiche effettuate presso cantieri edili, previa minaccia di elevare sanzioni amministrative e sequestri, imponevano agli imprenditori controllati di rivolgersi a consulenti del lavoro, loro sodali, per la predisposizione della documentazione, in particolare di DVR (Documenti di Valutazione Rischi) e delle certificazioni previste dalla normativa per la sicurezza sui luoghi di lavoro.


Destinatari delle misure restrittive, scrive Pupia, sono:

Aldo Nuzzo, Pasquale D'Amore, Donato Faraone, ispettori del lavoro; Antimo Marcello, Luigi Marcello, Francesco D'Angiolella, consulenti del lavoro.

A seguito dei controlli sono stati sequestrati sette cantieri edili. Inoltre è stata accertata l’esistenza di un rilevante fenomeno di assenteismo nel Dipartimento di Prevenzione dell’ASL di Santa Maria Capua Vetere, attraverso la fraudolenta vidimazione collettiva dei cartellini.

Foto | Interno 18

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: