Omicidio Gianguerino Cafasso: riesumata la salma, già effettuati gli esami

GianguerinoCafasso

Lo scorso 21 luglio il gip Renato Laviola del Tribunale di Roma ha accordato una nuova perizia medico-legale sul corpo di Gianguerino Cafasso, il pusher dei viados coinvolto nello scandalo Marrazzo, trovato morto il 12 settembre scorso in una stanza d’albergo alla periferia di Roma.

A richiedere la nuova perizia, al termine dell'incidente probatorio, erano stati i legali dei tre indagati per la morte di Cafasso, i carabinieri Luciano Simeone e Carlo Tagliente e il maresciallo Nicola Testini, tutti e tre accusati di omicidio premeditato aggravato.

Ieri la salma di Cafasso è stata riesumata e il professore Giovanni Arcudi, docente all'Università di Tor Vergata di Roma, ha potuto effettuare i prelievi dei liquidi biologici.

I risultati della perizia, che deve servire a chiarire una volta per tutte le cause del decesso di Cafasso, saranno presentati il prossimo 28 settembre davanti al Gip Laviola.

In quella sede le accuse per i tre militari potrebbe cadere o essere confermate.

Via | La Voce D'Italia

  • shares
  • Mail