James Woodward: ventisette anni in cella, scagionato dal DNA

woodwardIn Italia non ne parleremo; però la storia di James Lee Woodward dovrebbe far pensare un pò su come vanno le cose nella land of freedom. Dove se sei nero, e accusato di omicidio e stupro, puoi passare ventisette anni della tua vita in un braccio della morte. E poi scoprono che non eri tu, che si erano sbagliati. Cose che capitano.


"Dopo aver attentamento riesaminato le prove e gli atti del processo, posso confermare che non fu un processo giusto e che fu svolto in maniera irregolare. Inoltre i risultati dell'esame del DNA permettono di scagionare James Lee Woodward, e permettono di escludere che sia stato lui a perpetrare l'atto sessuale di cui è stato accusato"

Così si è espresso il District Attorney della contea di Dallas Craig Watkins. Ma che male c'è? Noi in fondo abbiamo - o meglio abbiamo avuto - Giuliano Ferrara e la sua moratoria sull'aborto. E quella sulla pena di morte? Dimenticata e ignorata, almeno negli Stati Uniti.

Foto: smh.com

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: