Carcere a vita per i carnefici della ragazza dark

Ricordate il caso Lancaster? Ne avevamo dato notizia qualche tempo fa, con una serie di video che tentavano di descrivere la brutalità e la mancanza di morale di alcuni ragazzi inglesi, colpevoli di aver massacrato a calci due persone solo perché si vestivano in modo diverso da loro. Ripeto: solo perché si vestivano in modo diverso.

Come annunciato, sono state infine comunicate le pene e il giudice non è stato certo tenero con i due criminali: entrambi hanno meritato condanne a vita con dei minimi che non permettono facili scappatoie legali. Ryan Herbert, 16 anni, si è preso una condanna minima a 16 anni e Brendan Harris, 15 anni, ha un minimo di 18 anni da scontare in carcere. Ricordiamo che sono gli stessi ragazzi che ridevano nei corridoi della polizia e che hanno descritto l’omicidio di Sophie Lancaster con parole come “la colpivamo in faccia come quando calci un pallone al volo”.

Pesanti anche le parole del giudice che in aula ha detto: “Si tratta di un omicidio così violento e privo di senso da sollevare pesanti interrogativi sul tipo di società che esiste in questo Paese all’inizio del nuovo millennio. Almeno gli animali selvaggi quando cacciano in branco hanno la motivazione del cibo, voi non avevate nessuna scusante e il vostro comportamento di quella sera ha degradato l’umanità stessa”.

Alcune immagini legate al brutale omicidio della ragazza
I due assassini
Sophie in coma
Sophie Lancaster

Fonte: The Independent

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: