UK: condannate Lucy Viner-Mood e Lois Gibson, sequestrarono e torturarono per 19 ore la coinquilina Georgia Fenn

Lucy Viner-Mood e Lois Gibson

Le due ragazze che vedete in foto si chiamano Lucy Viner-Mood e Lois Gibson, hanno 22 e 18 anni e sono state condannate ieri dal giudice del tribunale di Maidstone a scontare rispettivamente 5 e 3 anni di carcere.

Il motivo? Hanno sequestrato e torturato per diverse ore la loro coinquilina, Georgia Fenn, 19enne "colpevole" di aver iniziato una relazione con l'ex fidanzato di una delle due giovani.

L'episodio risale al 28 marzo scorso: le due aguzzine hanno rinchiuso la Fenn nella loro abitazione e per le 19 ore successiva l'hanno costretta a subire violenze di ogni tipo.

L'hanno legata e picchiata fino a farle perdere i sensi, poi le hanno spento diverse sigarette sulla schiena e l'hanno seviziata con un paio di scarpe con i tacchi. Ma non è tutto: l'hanno cosparsa di lacca per capelli ed hanno tentato di darle fuoco.

Poi è continuato il pestaggio: le hanno rotto il naso e un dente, le hanno tenuto un accendino accesso sotto al mento per diversi minuti e, dopo circa 19 ore di abusi, l'hanno sbattuta fuori di casa.

A quel punto la Fenn, scalza e ricoperta di sangue, è riuscita a raggiungere un ospedale e a sporgere denuncia contro le due aguzzine.

L'arresto è scattato il 30 marzo scorso e ieri, dopo due mesi, è arrivata la condanna, giudicata da molti troppo lieve: 5 anni di carcere per la 22enne Lucy Viner-Mood e 3 anni a Lois Gibson. Le accuse erano di sequestro di persona e lesioni personali gravi.

Questa la dichiarazione scritta dalla vittima (che ha preferito non presentarsi in aula) e letta dal suo avvocato:

Ho vissuto momenti davvero terribili che hanno lasciato strascichi pesantissimi e difficili da superare. A volte non riesco ad uscire di casa per intere settimane e spengo addirittura il telefono per lunghi periodi perché non me la sento di parlare con nessuno e spesso, quando vado a dormire, Lucy e Lois arrivano nella mia testa e non se ne vanno. Sono sempre stata una ragazza disponibile e amichevole, che curava il proprio aspetto e aveva delle ambizioni, ora, invece, sono una persona completamente diversa e non sono sicura che riuscirò nuovamente a stare bene.

Via | Telegraph

  • shares
  • Mail