Omicidio di Anna Maria Tarantino: confessa l'assassino, un autotrasportatore di 42 anni

arrestatoassassinoAnnaMariaTarantino

E' stato arrestato nella notte a Roma l'assassino della 44enne Anna Maria Tarantino, impiegata di banca e collaboratrice del quotidiano Il Tempo, trovata morta lo scorso 5 luglio nelle campagne di Riano, alle porte di Roma.

L'uomo, un autostrasportatore di 42 anni residente a Capena, conosceva da anni la Tarantino e domenica scorsa - lo ha dichiarato lui agli agenti - era uscito con lei. I due hanno iniziato a discutere e il tutto è presto degenerato in lite.

A causa di uno scatto d'ira, l'assassino l'ha brutalmente picchiata, poi l'ha strangolata ed ha abbandonato il corpo in un campo, dove è stato rinvenuto il giorno successivo.

Così Il Tempo ha descritto il ritrovamento:

Il cadavere è quasi raggomitolato. Lei ha i capelli tinti di biondo, veste pantaloni fino al ginocchio, a pinocchietto, sono di colore blu con risvolto rosa, maglietta smanicata rosa e un sandalo di velluto blu con fiocchi dello stesso colore applicati sul cinturino che fascia le dita del piede. [...] Accanto non ci sono borsa, documenti di identità, telefonino: li ha portati via l'assassino? Il fondoschiena è nudo, come se il suo assassino l'avesse violentata. Ma così non sembra sia stato, almeno secondo la prima ricognizione eseguita dal medico legale allertato dai carabinieri della Compagnia di Bracciano del maggiore Paolo Dembech. Il volto è irriconoscibile. I tratti del viso sono deformati, gli zigomi dilatati come se avessero subito uno schiacciamento, gli occhi chiusi, anneriti dal sangue che si è coagulato. Sulla fronte affiora una ferita, dritta e netta, come di un colpo deciso. La pelle del corpo però è ancora chiara. Segno che la morte è sopraggiunta poche ore prima del ritrovamento. E infatti, l'autopsia eseguita il giorno dopo conferma. La donna è stata strangolata nell'arco delle 24 ore antecedenti alla scoperta.

Il 42enne è stato fermato nella notte dai carabinieri del Nucleo investigativo di Roma e da quelli del Nucleo investigativo di Ostia: di fronte all'evidenza delle indagini, ha ceduto ed ha ammesso le sue responsabilità.

Via | RaiNews24

  • shares
  • Mail