Botox: in cella Elio Oldrini, guru del botulino per Vip

In certi ambienti una faccia distesa, una ruga in meno, un sorriso tirato, contano più di un Mba o di una laurea cum laude. C'era quindi la fila per rivolgersi al Dr. Elio Oldrini, ufficialmente dermatologo. Ambulatorio in centro a Milano, in viale Bianca Maria, clientela vip da tutta Italia.

La coda non ci sarà più, perchè Oldrini è finito in cella con l'accusa di associazione a delinquere, finalizzata all'esercizio abusivo della professione medica, commercio e detenzione di medicinali guasti e imperfetti, importati magari - oh oh - clandestinamente o somministrati in maniera non regolare.

Nel pezzo di Giuseppe Guastella sul Corriere, si racconta anche di una telefonata, tra Oldrini e un amico, in cui lo tranquillizza riguardo ad una dose che temeva eccessiva di botox inoculata ad una paziente...(qui la reuters spiega la vicenda)

"Fa niente, fa niente" spiega, "Tanto non se ne accorge nemmeno". La parte migliore dell'ordinanza del Gip Micaela Curami però è questa:"I trattamenti avvenivano ignorando le più elementari norme igienico sanitarie".

Riguardo alla tossina botulinica vanno fatte alcune precisazioni: in Italia non è reato pungersi la faccia per paralizzare muscoli del viso ed ottenere così quella piacevole paralisi che viene in quei casi. Non è reato. Se lo si fa utilizzando un farmaco che si chiama Vistabex.

C'è sempre di mezzo il clostridium botulinum, ma ad un principio attivo inferiore rispetto a Botox e Dysport, utilizzato normalmente, secondo la magistratura, nel Centro Mesoterapico del Dr Elio Oldrini.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: