Catanzaro, omicidio gemelli Grattà: fermate tre persone tra cui Alberto Sia


Tre fermi dei carabinieri a Soverato per l’omicidio dei gemelli Nicola e Vito Grattà, uccisi l’11 giugno scorso all’interno di un magazzino a Gagliato (Catanzaro). Uno degli arrestati è Alberto Sia, 26 anni, figlio di Vittorio, ucciso il 22 aprile a colpi di arma da fuoco mentre era a bordo di uno scooter.

Una scia di sangue che per gli investigatori va inquadrata nell’ambito della faida che da alcuni mesi è esplosa nell’area del basso ionio catanzarese per il predominio sul territorio. I fermi di indiziato di delitto, disposti dalla Dda di Catanzaro, sono stati eseguiti nelle prime ore del mattino. In manette - scrive Newz - oltre a Sia, il 26enne Patrik Vitale e Giovanni Catrambone, 22 anni. 

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail